0
0
0
s2sdefault

A Bled, in Slovenia, dal 15 al 19 ottobre 2002, si è svolto il 17° Congresso I.F.M.S. Federazione Internazionale dei soldati di montagna).
Vi hanno partecipato delegazioni di tutte le Associazioni federate. L’Austria era presente, come osservatrice, con un delegato che ha assicurato l’imminente ricostituzione di un’associazione austriaca di soldati di montagna. La delegazione A.N.A. era formata dai consiglieri nazionali Romoli (capo delegazione), Botter e Soravito De Franceschi, nonché, quali osservatori, dagli ex consiglieri nazionali Vadori e Bottinelli. Alla cerimonia d’apertura era presente anche una pattuglia di sette alpini (purtroppo non con il cappello alpino) del Centro Addestramento d’Aosta, lì per l’occasione assieme a pattuglie di altri eserciti.

Oltre all’usuale scambio dei rapporti sull’attività svolta nell’anno dalle varie Associazioni, l’argomento più dibattuto è stato l’uso delle lingue. Sono state avanzate due proposte: l’utilizzo del solo inglese o, in alternativa, l’uso dell’inglese in omaggio alle nazioni nordiche e del francese per le nazioni latine. La delegazione spagnola ha chiesto di affiancare alle quattro lingue ufficiali nate con l’I.F.M.S. (francese, inglese, italiano e tedesco) anche lo spagnolo. Premesso che la normativa in vigore prevede che il segretario generale si esprima, negli interventi e con le comunicazioni scritte, nella propria lingua madre e così i capi delegazione (polacchi, sloveni e spagnoli possono scegliere tra le quattro lingue ufficiali), l’A.N.A. si è dichiarata contraria a ogni cambiamento perché non è possibile fare in modo che tutti i delegati conoscano l’inglese o il francese o il tedesco o l’italiano (che tra l’altro è la lingua del 95% degli associati alla Federazione). Su proposta tedesca, il Congresso ha deciso d’inviare una lettera al Segretario generale dell’ONU Kofi Annan per ringraziarlo d’aver dichiarato il 2002 Anno Internazionale delle Montagne. In occasione dell’Assemblea generale è stato assegnato il Diploma d’Onore al tedesco Senatore Gerhart Klamert e, su proposta A.N.A., al presidente dell’Associazione polacca, Tadeusz Czerkawski.

Nel 2003 il Congresso sarà in Germania, a Fussen, dal 23 al 27 settembre e la “Giornata IFMS” in Francia nell’Haute-Maurrienne (zona del Moncenisio) sui “Sentieri della Pace” il 25 e 26 di giugno.
Le manifestazioni di contorno ai lavori congressuali sono state: la presentazione del 132° Battaglione alpino sloveno e le visite alla Scuola militare alpina di Pokliuka (dove a marzo si sono svolti i CISM 2002), all’ospedale militare partigiano Franja di Cerkno, costruito nel 1943 con baracche nascoste in una profonda gola, e a Caporetto. A causa del pessimo tempo, non è stato possibile salire all’Ossario italiano costruito tra il 1935 e il 1938 a Caporetto, dove riposano 7014 Caduti italiani e 1748 Militi ignoti. È stato invece possibile visitare il museo della prima guerra mondiale. Vi sono stati momenti di forte commozione, in particolare nel vedere le orrende fotografie di alcuni mutilati e nell’ascoltare, all’interno di un ricovero ricostruito, la lettura di una lettera, ai genitori, di un giovane in procinto di lasciare la
trincea per andare all’assalto. Fu l’ultima lettera di quell’alpino…
(s.b.)

Articolo de L'ALPINO di Gennaio 2003 - Pagina 20 - www.ana.it
Fotografie tratte dall'archivio del Gruppo

0
0
0
s2sdefault